Siamo Aperti : Lun-Ven 9:00 / 13:00 14:30 / 18:00

All posts by New Dental Center

Sai scegliere il dentifricio? Consigli utili per una scelta consapevole.

Scegliere il dentifricio migliore non è facile come può sembrare, molto dipende dalle tue esigenze.

I dentifrici anticarie si avvalgono dell’aiuto del fluoro componente presente anche in molti cibi, questo minerale vanta un’azione protettiva e mineralizzante, consentendo al dente di rinforzarsi prevenendo la demineralizzazione dello smalto causa della formazione della carie.

Da tenere a mente però che i dentifrici per bambini devono essere a basso contenuto di fluoro per impedire un eccessivo assorbimento della sostanza già presente naturalmente sia nell’acqua che in numerosi alimenti.

I dentifrici antibatterici vantano invece la presenza della Clorexidina, potente batteriostatico che inibisce la crescita dei batteri fino a otto ore. Questa sostanza rappresenta l’antibatterico per eccellenza in odontostomatologia e viene usata in svariati ambiti odontoiatrici, ma è sconsigliata nei bambini al di sotto dei tre anni di età.

I dentifrici sbiancanti contengono il perossido di idrogeno la cui concentrazione varia nei dentifrici ma non deve mai superare il 6% Questa sostanza rilascia ossigeno attivo a contatto con i liquidi fisiologici e “schiumando” come l’acqua ossigenata sulle ferite, rimuove le macchie presenti sulle superfici dei denti. Si può ottenere lo stesso risultato anche con il Bicarbonadio di sodio ma utilizzatelo con moderazione perché ha anche un effetto abrasivo che alla lunga può causare ipersensibilità dentale.

I dentifrici desensibilizzanti e riminerallizanti contengono diverse sostanze al loro interno:

  – Microgranuli di idrossiapatite che agiscono nelle microscalfiture riparando e rigenerando lo smalto, inoltre agiscono sigillando i microtubuli dentinali esposti con la detrazione gengivale. Riduce la sensibilità termica ( sia caldo che freddo) e impediscono ai batteri l’accesso al dente.

  – Lactoferrina con azione antibatterica, antiparassitaria e antivirale è in grado di stimolare la crescita di nuovo tessuto osseo e di rallentarne la riduzione, indicata per l’igiene orale di pazienti con impianti dentali endossei.

Ricordiamo sempre che la vera pulizia orale è comunque sempre data dal movimento meccanico dello spazzolamento che rimuove la placca e i residui alimentari

Read More

Sai cos’è lo “Sbiancamento dentale” ?

Affrontiamo l’argomento dello “Sbiancamento dentale” la procedura odontoiatrica che permette di migliorare il colore dei denti rendendoli più bianchi.

Denti bianchi come porcellana non esistono in natura, il colore è personale e può variare un pò come la pelle. Fortunatamente i progressi dell’odontoiatria cosmetica consentono di riportare il colore verso il così detto “bianco naturale”.

I prodotti che vengono utilizzati contengono principalmente perossido di idrogeno e perossido di carbammide impiegati in varie concentrazioni a seconda della tecnica che si intende utilizzare e delle esigenze del paziente. Esistono diversi metodi che possono essere attuati nello studio dentistico ma anche dal paziente stesso a casa. In questo secondo caso l’igienista dentale e l’odontoiatra possono proporre delle speciali mascherine personalizzate in silicone morbido al cui interno va inserita una giusta quantità di gel sbiancante. Naturalmente evitare l’assunzione di cibi e bevande particolarmente “coloranti” come ad esempio caffè, the, vino rosso, liquirizia ect…può aiutare a mantenere il risultato più a lungo possibile.

Lo Sbiancamento dentale eseguito nello studio professionale è una pratica sicura, che non altera né rovino lo smalto dei denti. Sia l’ipersensibilità che l’irritazione gengivale, potenziali effetti collaterali, si annullano attenendosi scrupolosamente ai protocolli consigliati dallo specialista.

Read More
Salute dei denti

Come ti devi lavare i denti? Rispondono le prime linee guida mondiali

Come ti devi lavare i denti? Rispondono le prime linee guida mondiali

Il testo, promosso dalle principali società scientifiche mondiali, contiene le regole da seguire per evitare gengiviti e parodontiti, patologie comuni che possono avere un forte impatto sulla salute e portare alla perdita dei denti.

Gengive arrossate, infiammate, e magari un po’ di sangue quando si spazzolano i denti. Può sembrare una situazione normale, e invece sono i sintomi di una gengivite, condizione di cui soffrono circa 20 milioni di italiani sopra i 35 anni e che se non curata adeguatamente può trasformarsi in parodontite. Questa patologia (sesta al mondo per diffusione) colpisce tre milioni di persone nel nostro paese per una spesa annuale di circa un miliardo di euro, e nelle forme gravi è la prima causa di perdita dei denti. Visti i costi, e le possibili conseguenze per la salute delle parodontiti, le principali società scientifiche mondiali hanno oggi realizzato le prime linee guida mondiali per la prevenzione, diagnosi e cura di questa patologia.

“La parodontite è un’infiammazione profonda delle gengive provocata dai batteri presenti nella placca dentale non adeguatamente rimossa con una corretta igiene orale – ha spiegato all’Ansa Maurizio Tonetti, presidente Sidp (Società italiana di parodontologia e implantologia) – Purtroppo la maggioranza si allarma solo quando sente i denti muoversi e spostarsi, così la conseguenza, se la malattia non viene trattata adeguatamente e in tempo, è la perdita dei denti”.

La mancanza di denti, avvertono gli esperti, determina a sua volta a problemi di masticazione che rendono complicato alimentarsi con frutta e verdura fresca, caposaldo della dieta mediterranea, e portano a preferire cibi morbidi: carboidrati, zuccheri raffinati e grassi, che hanno un impatto negativo sulla salute. I batteri responsabili delle infiammazioni delle gengive inoltre tendono inoltre ad aumentare il rischio di contrarre numerose malattie sistemiche, tra cui patologie cardiovascolari, diabete, ictus, e infezioni respiratorie.

Per evitare conseguenze spiacevoli, le nuove linee guida (promosse dalla Sidp insieme insieme alla EuropeanFederation of Periodontology, l’American Academy of Periodontology e l’Asian Pacific Society of Periodontology) sottolineano innanzitutto l’importanza della diagnosi precoce, che oggi si può effettuare con il test Psr (Periodontal Screening and Recording): una sonda graduata che viene inserita nel solco gengivale per valutare lo stato di infiammazione delle gengive, e quanto queste risultino retratte.

Sul piano della prevenzione invece, il testo ricorda l’importanza di una corretta igiene orale e personale, che va associata a periodiche visite di controllo.

Per assicurare la salute delle proprie gengive esistono inoltre 10 regole da seguire:

1) Non fumare;

2) Introdurre adeguate quantità di vitamina C attraverso una dieta ricca di frutta e verdura;

3) Sottoporsi almeno due volte all’anno a una seduta di igiene professionale e a un controllo dal dentista;

4) Durante la visita di controllo, chiedere di eseguire il test Psr;

5) Se le gengive sono un po’ infiammate, lavare i denti almeno due volte al giorno spazzolandoli per 4 minuti;

6) Preferire lo spazzolino elettrico a quello manuale;

7) Scegliere dentifrici delicati, appositamente studiati per denti e gengive sensibili;

8) Utilizzare gli scovolini interdentali di grandezza adeguata ai propri spazi al posto del filo;

9) Farsi consigliare un adeguato collutorio antiplacca, facendosi indicare dal dentista anche le modalità corrette per l’utilizzo;

10) Se le gengive sanguinano, si ritraggono o sono arrossate, andare subito dal dentista per una valutazione adeguata.

Fonte

Read More
salute dei denti e dieta

Salute dei denti e dieta….

La salute dei denti dipende anche dalla dieta alimentari lo sapevi?

La bocca, lo sappiamo, è assimilabile ad un delicato ecosistema che, per mantenere inalterato il suo equilibrio, necessita di cure continue; esiste uno stretto legame tra cibi e salute dei denti, mangiare in modo scorretto può dare il via a patologie gengivali di diversa gravità.

Mangiamo una media di quattro volte al giorno, senza sapere che ogni pasto espone la dentatura a ripetute minacce, eppure a tavola basterebbero poche premure per scongiurare il rischio: è dimostrato che una dieta corretta e bilanciata permette un risparmio medio di circa 800 euro l’anno a famiglia per spese dentistiche. Carenze di magnesio, zinco, ferro, manganese, selenio, vitamine C ed E possono determinare gengiviti e malattie parodontali e indurre un calo delle difese immunitarie che possono incidere non solo sul benessere dell’organismo ma anche su quello della bocca.

Quali sono i cibi che non dovrebbero mai mancare sulla tavola per mantenere intatti la bellezza e il benessere del sorriso? Innanzitutto latte e derivati che, per il loro elevato contenuto in calcio, proteggono la salute dei denti, la cui struttura è prevalentemente composta proprio da questo minerale. L’importante è avere l’accortezza di ricorrere allo spazzolino dopo il consumo per eliminare i residui di lattosio, zucchero che si deposita sullo smalto e alimenta la flora batterica del cavo orale. Via libera anche alle verdure a foglia larga, come bieta e spinaci, e all’insalata, che stimolano la salivazione e aiutano a pulire la bocca. Allo stesso scopo è molto utile la frutta croccante e ricca di fibre, come la mela, oltre ai frutti di bosco che contengono sostanze antibatteriche capaci di ridurre i depositi di placca dell’80% (purché assunti senza zucchero). 

Sedano e carote sono uno snack ‘spezza fame’ adatto alla stagione calda: idratano e al tempo steso eliminano la placca, mentre rapanelli, pomodori, crescione e ciliegie contengono fluoro che rinforza lo smalto dentario.  

Per quel che riguarda le proteine, si tratta di composti fondamentali per le strutture di sostegno della bocca: la carne bianca, il pesce e i legumi, in particolare i fagioli, contengono ferro e magnesio utili alla salute di denti e gengive, mentre sul fronte carboidrati è bene prediligere quelli integrali, che richiedono una masticazione più lunga rispetto a quella necessaria per i prodotti raffinati; non solo: pane e pasta bianchi e i prodotti da forno industriali aumentano i depositi di placca e la formazione di tartaro.  

Anche un bicchiere di vino rosso a pasto aiuta a tenere in forma il sorriso: i polifenoli di cui è ricco sono i grado di inibire la capacità dei batteri di aderire alla superficie dentale. Proprietà molto preziosa, dal momento che la carie è determinata da un’eccessiva proliferazione dei batteri naturalmente presenti nel cavo orale (tra cui soprattutto lo Streptococco mutans) e dal danneggiamento del “biofilm” che ricopre i denti, reso permeabile dall’aggressione degli acidi, che si creano un varco fino alle strutture interne. 

Read More
San Valentino

San Valentino è praticamente alle porte! Sicuri di avere una bocca a prova di bacio?

San Valentino è praticamente alle porte! Sicuri di avere una bocca a prova di bacio?

Noi della New Dental Center vogliamo aiutarvi con dei piccoli ma ottimi consigli per rendere i vostri baci di San Valentino più dolci e irresistibili che mai.

Partiamo dalla cura dell’igiene orale, a parte evitare cibi ricchi di aglio e spezie, prima causa dell’alito cattivo, è ovviamente la placca orale che può accumularsi sui denti, gengive e anche sulla lingua.

Come rimuovere la placca in eccesso? Innanzi tutto lavate i denti e le gengive a fondo almeno due volte al giorno, utilizzate il filo interdentale almeno una volta al giorno. Controllate anche la lingua almeno una volta alla settimana e nell’eventualità in cui vi siano residui biancastri, probabilmente dovuti all’accumulo di placca e residui di cibo, utilizzate un collutorio, anche la pulizia della lingua può combattere l’alito cattivo.

Attenzione anche alla bocca, nessuno vuole baciare labbra secche e screpolate, cercate quindi di bere molta acqua e se necessario usate un burro cacao e magari masticate chewing-gum senza zucchero tra i pasti per mantenere i denti puliti.

Recenti studi della Tulane University (Stati Uniti) hanno dimostrato che gli antiossidanti, che si trovano nel cioccolato fondente, favoriscono la salute dentale combattendo la carie e la placca. Insomma un piccolo peccato di gola che ha anche i suoi vantaggi se consideriamo che, approfittando di un semplice spuntino, abbiamo la possibilità di contrastare l’insorgenza di malattie gengivali. Il cioccolato fondente è inoltre ottimo per rafforzare lo smalto dei denti. É infatti, addirittura più efficace del fluoro!

E per finire, non dimenticate di effettuare pulizie dentali regolari. La placca, infatti, ha la tendenza ad indurirsi, trasformandosi in tartaro, che non può essere rimosso né con lo spazzolino né con il filo interdentale.

Noi della New Dental Center vi consigliamo di farla almeno una volta ogni sei mesi.
Così i vostri baci saranno irresistibili.
Buon San Valentino!

Read More