Siamo Aperti : Lun-Ven 9:00 / 13:00 14:30 / 18:00

Radiofrequenza Viso

La Radiofrequenza viso

è uno dei trattamenti più innovativi per contrastare la perdita di tono della pelle e la comparsa di rughe. La radiofrequenza è energia elettrica, le apparecchiature che la utilizzano a scopo estetico si avvalgono di manipoli, e attraverso questi l’energia arriva sottocute sotto forma di calore e determina una trasformazione del collegare. L’azione di riscaldamento profonda e uniforme provoca un immediato accorciamento delle fibre di collegare e di elastica, stimolando nello stesso tempo i fibroblasti a sintetizzare nuovo collegare “giovane”.

Il trattamento di radiofrequenza è particolarmente indicato per persone di età compresa fra i 30 e i 70 anni, con un rilassamento cutaneo lieve o moderato, che vogliano migliorare il proprio aspetto restituendo tonicità e definizione all’ovale. Naturalmente non ci sono limiti e il trattamento con la radiofrequenza è possibile a qualsiasi età ma è necessario sottolineare che con una pelle più elastica si avranno effetti migliori e più duraturi.

Questo trattamento viene definito “lifting senza bisturi”, infatti permette di ottenere risultati assimilabili a quelli di questo tipo di intervento chirurgico.

Il trattamento ha una lunga durata ma non è permanente perciò se si vuole mantenere un risultato ottimale la radiofrequenza deve essere ripetuta dopo un paio di anni. Le tempistiche variano da caso a caso in quanto sono influenzate da fattori soggettivi legati al tipo di pelle e al naturale invecchiamento. La seduta può durare da quindici ai sessanta minuti a seconda della zona da trattare e al termine la pelle può risultare arrossata. Normalmente non è presente dolore e l’effetto immediato è di distensione cutanea, mentre nel tempo si ottiene un’aumentata produzione di nuovo collegene, con pelle più distesa e compatta.

Non vi sono particolari controindicazioni legate alla radiofrequenza ma è sempre meglio rivolgersi ad un medico professionista qualificato vista la temperatura elevata con cui lavorano le macchine utilizzate, se ci si rivolge a dei professionisti come da noi alla New Dental Center, i rischi sono quasi inesistenti!

I principali effetti della radiofrequenza:

Effetto lifting: si ottiene grazie alla contrazione del collagene ai diversi livelli di profondità; il riscaldamento va ad agire direttamente sul collagene provocando una denaturalizzazione di quest’ultimo: fino al 30% delle fibre si accorciano rigonfiandosi, ottenendo come risultato il rimodellamento della zona trattata. Ossigenazione cellulare: già ad un livello basso di radiofrequenza emessa, si ha un effetto di ossigenazione causato dall’aumento del metabolismo cellulare con conseguente miglioramento dell’efficienza del microcircolo.

Drenaggio: grazie al grande effetto di vascolarizzazione ottenuto a livelli sostenuti di radiofrequenza, è possibile ottenere degli ottimi risultati sugli accumuli causati dalla ritenzione idrica. Grazie anche al ritrovato equilibrio della membrana cellulare è possibile dare stabilità a tale effetto. Snellimento: biostimolando direttamente gli adipociti, sfruttando l’effetto drenante e ossigenante della radiofrequenza, è possibile riscontrare ottimi risultati sugli accumuli adiposi localizzati od estesi. Si consiglia, al fine di ottimizzare i risultati, di prevedere dei cicli di trattamento di almeno 8 sedute con dei richiami per il mantenimento.

Tonificazione tissutale e muscolare: sono evidenti dalla prima applicazione della radiofrequenza. Sulle pelli sottili i risultati sono più immediati che sui soggetti con la pelle spessa, ma bisogna considerare che il miglioramento avviene anche dopo che la seduta è terminata e nei giorni a seguire. L’operatore che utilizza il trattamento della radiofrequenza dovrà stabilire il giusto protocollo estetico in base al cliente e alle sue caratteristiche. Sottoponendosi al trattamento della radiofrequenza si ha uno sviluppo di calore: questo fenomeno si presenta a tutti i livelli di profondità del tessuto ed è più marcato dove il tessuto presenta una maggiore impedenza al passaggio degli ioni trascurabile sulle fibre muscolari.

Con la radiofrequenza si ottiene un aumento della temperatura: insieme al conseguente aumento del flusso ematico stimolano i processi di riparazione tissutale, favorendo l’apporto di substrati organici, l’incremento della pressione capillare, l’aumento della permeabilità di membrana cellulare, l’aumento delle reazioni metaboliche locali, la modificazione nella conduzione nervosa sensitiva (effetto analgesico). La radiofrequenza permette inoltre una migliore ossigenazione dei tessuti e un complessivo notevole miglioramento della circolazione linfatica.

radiofrequenza viso